NOTICIAS

Intervista: Romain Febvre

Compra la gamma 2020 di Alpinestars su 24MX!

Romain Febvre sembra essere molto vicino a vincere un Gran Premio per la prima volta dal giugno 2016, ma sfortuna e errori continuano ad essere sulla sua strada. Uno scenario simile si è svolto durante il fine settimana nel Gran Premio dell’Asia. C’erano ancora alcuni aspetti positivi da prendere in considerazione e, sulla base di questa esclusiva intervista con MX Vice da Semarang, Febvre si è aggrappato a quelli.

MX Vice: Dopo ieri ero pronto a rivederti sul gradino più alto per la prima volta dal 2016. Credevo che sarebbe successo, ma credo che a volte tu abbia avuto una sfortuna di merda e oggi è stato solo uno di quei giorni in cui nulla è andato veramente per il verso giusto. Ehi, immagino tu possa prendere il positivo visto ieri ed essere almeno un po’ contento?

Romain Febvre: Si. Ieri è stato davvero buono. Non oggi. Ho avuto un piccolo incidente e ho solo piegato il manubrio così male che non ho potuto continuare. Mi sono fermato nella corsia dei box ma non c’è davvero molto da fare, quindi basta. Nella seconda ho fatto una buona partenza ma ho commesso un errore alla prima curva. Stavo guidando, poi ho fatto scivolare la ruota posteriore e non ho potuto prendere la velocità prima delle waves. Ero decimo, forse dodicesimo, qualcosa del genere al primo giro e poi sono tornato in quinta posizione. Di sicuro, non è quello che mi aspettavo dopo ieri, ma è così com’è. Come dici tu, a volte è un po’ di sfortuna. Per me, un errore che devo considerare.

Dici che hai avuto un piccolo incidente nella prima manche, ma il tuo manubrio era piegato seriamente. Puoi piegare il tuo manubrio abbastanza facilmente, ma quello era davvero piegato. Come sei finito in una situazione così brutta? Parlaci dell’incidente.

Non molto da dire. Ho perso la ruota posteriore e poi non lo so. La moto è andata a terra. Era davvero, davvero piegato. Sono ripartito e mi sono detto: “Provo a guidare così”, ma era troppo. Con la velocità in pista, non è stato possibile. Non è la prima volta. Non c’è tanto da dire.

Immagino che ti sei alzato e hai avuto dei flashback di Maggiora 2015. L’hai guardato e hai pensato: “Posso farlo, non mi hai visto prima?”

Si. Quando ho preso la moto, mi sono detto: “Posso continuare”. Mi sentivo come se fosse piegato ma non troppo male. Poi, quando ho iniziato a guidare, ho detto “No, non posso”. Se fosse stato come una gara fangosa, ci avrei provato, ma era davvero, davvero piegato. Non c’era tanto da fare.

Ne abbiamo già parlato prima, ma mi sembra che quest’anno stiate guidando ad un livello davvero alto. Hai migliorato rispetto all’anno scorso, quindi va bene, e sembra che la vittoria in MXGP stia arrivando. E’ frustrante aspettare solo di levarti finalmente quella scimmia dalle spalle? Stai iniziando a chiederti quando succederà? L’anno scorso forse la velocità non c’era, quindi non ce l’aspettavamo, ma quest’anno potrebbe accadere in qualsiasi momento.

Si. Non voglio nemmeno esercitare troppa pressione su me stesso. Dopo sabato mi sentivo davvero bene. Ho vinto la gara di qualifica facilmente, poi ho cercato di imparare dall’errore della prima. Sono rimasto calmo. Non è questo il problema. Sento quando Dio non vuole, quindi non vuole. Provo. Non è mai come un incidente simile o un errore simile che faccio. Faccio del mio meglio ogni volta. Spero che pagherà una volta. Come hai detto tu, la velocità c’è.

Quest’anno ho avuto un bel passo l’inverno scorso con la velocità e tutto, quindi è davvero bello. Questo non è andato. Di sicuro, voglio vincere. Questo è l’obiettivo. Proverò a Loket. Come questo weekend, la pista era davvero dura e scivolosa. Sono felice anche io. Anche se il mio punteggio non era buono, sono felice di partire tutto in un pezzo.

Parliamo un po’ di più della pista. Ovviamente, siamo in Indonesia. È difficile trovare buone piste. Pensi che questa sia abbastanza buona per la MXGP? Molti piloti hanno detto che il layout era abbastanza buono, ma che il terreno non è eccezionale.

Sì, il layout è perfetto. Il terreno… È davvero brutto. Cosa possono fare, non lo so. Non c’è molto da fare qui, penso. Lo scorso fine settimana il terreno era molto meglio, ma è la seconda volta che ci veniamo. L’anno scorso è stato lo stesso alla fine e quest’anno è anche peggio, credo. Spero che cambino posto o trovino qualcosa da fare, ma penso che non ci siano così tante cose da fare.

Il tuo contratto è scaduto quest’anno. Non puoi dirci molto, come quello che stai facendo o qualcosa del genere. Il tuo accordo è fatto però e questo è buono, giusto? La pressione è spenta e non devi preoccuparti delle cose fuori pista.

Si. Il mio contratto è fatto Non posso dire molto, ma è quello che volevo e sono davvero felice della mia decisione. È sicuramente eccitante iniziare. Vediamo cosa ci riserva il futuro.

Testo: Lewis Phillips | Immagine Principale: Ray Archer

Share

MX Vice Editor || 25