NOTICIAS

Visti Da Vicino: Arminas Jasikonis

HUGE discounts on 24MX tents.

Arminas Jasikonis è stato indubbiamente il protagonista del Gran Premio dei Paesi Bassi, nel terzo round del Campionato del Mondo FIM di Motocross 2019, in quanto ha stabilito alcuni dei tempi più veloci nella classe regina e ha dimostrato cosa può fare davvero con il Team Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing. Da dove viene quella velocità? Jasikonis riflette sull’evento in questa intervista con MX Vice.

MX Vice: Sei veloce nella sabbia. Lo sapevamo, ma mi sembra che tu lo abbia ricordato a molte persone. Non hai ottenuto un podio però, che era nelle tue possibilità. Sei stato abbastanza veloce. Non so, tu come la vedi? E’ stato il tuo miglior risultato della stagione fin qui e la velocità è stata incredibile, ma non sei salito sul podio. Contento? Deluso? 

Arminas Jasikonis: Direi che è stato un weekend fantastico. Stessi punti del terzo, trentasei punti per tutti, dal terzo al quinto, ed è buono. Certo, dopo la gara sei un po’ frustrato di non essere sul podio, ma alla fine è stata colpa mia. Potrei aver fatto un lavoro migliore nella prima manche, ottenendo posti migliori, ma comunque prendiamo quello che abbiamo ottenuto. Alla fine, due volte quarto nel campionato del mondo, con tutti i migliori piloti, è buono. Noi ci siamo. Abbiamo fatto tutte le gare lì. Puoi vedere tutto il lavoro invernale fatto, era lì. Sono abbastanza felice.

Certo, sono stato super veloce questo fine settimana. Ho potuto vedere che ero super veloce, ma solo alcuni punti in cui non potevo esserlo farebbero una grande differenza. Tuttavia, dovevo rimontare da molto indietro… Dal quindicesimo posto dopo la partenza. Le partenze erano come 50/60. Non erano affatto buone. Ci stiamo lavorando su. Nella seconda partenza ho chiuso il gas un po’ troppo presto. Se l’avessi tenuto aperto, sarei stato lì tra i primi cinque. Nessun problema. Stiamo imparando. È ancora all’inizio della stagione. Siamo lì. Va bene.

Le partenze non sono un gran problema, perché puoi partire bene. L’hai fatto la scorsa settimana nella seconda manche. Non è che le partenze siano un problema. Come dici tu, è solo un po’ fortunato del sorteggio. 

Sì, certamente. Sono un ragazzo alto, ma ho anche una moto fantastica e tutto il resto. Sta solo mettendo tutto insieme. Lavoriamo molto in settimana, ma è solo forse un po’ anche mentalmente. Va bene. Mi renderà ancora più forte una volta sistemate le partenze, quindi sarebbe molto più facile per me. In questo momento sto facendo un lavoro infernale. È difficile rimontare dal quindicesimo al quarto. Non molte persone possono farlo.  

Una cosa che è stata abbastanza costante in tutte le tue gare questo weekend è stata che hai impiegato un po’ di tempo per risalire la classifica. La tua velocità nella seconda parte della gara era irreale, ma nei primi quattro o cinque giri non hai davvero fatto progressi. C’è qualche ragione? Ti ci è voluto un po’ per metterti a tuo agio?

Si. Al momento ci sto mettendo un po’ troppo tempo, sistemandomi e un po’ aspettando troppo a lungo e alla fine ci sono dei distacchi un po’ troppo grandi e poi devo davvero spingere. Questa è un’altra cosa: la partenza e un po’ iniziando i primi giri, è quello che dobbiamo risolvere e, boom, siamo lì. È come è. Comunque la mia forma fisica è buona, quindi continuo fino alla fine. Alla fine della manche ho comunque fatto una bella differenza.

Hai detto che c’erano alcuni punti là fuori dove non riuscivi a mettere insieme. Quali sono state le parti della pista in cui hai faticato di più? D’altra parte, in quali parti della pista ti sei sentito ridicolmente veloce? 

Direi che dal primo al terzo settore era veloce. Li stavo davvero guadagnando. Il quarto settore non è stato sempre abbastanza veloce. Anche nelle prove cronometrate, non ero abbastanza bravo. Quei punti tecnici come la discesa e dovunque ero molto più veloce, ma tutti i ragazzi hanno fatto la differenza sull’ultimo settore. Ecco dove non potevo metterla davvero insieme.

 

Che mi dici della pista questo weekend? Sappiamo che sei bravo nella sabbia. Ma questa volta non era sabbiosa come lo è di solito. E’ stato abbastanza difficile e veloce, quindi eri sorpreso di essere così veloce? Mi sento come se tu fossi stato ancora migliore se fosse stato un po’ più profondo, come abbiamo visto negli anni precedenti.

Dipende. Naturalmente adesso come adesso direi che la mia forma fisica è abbastanza buona. Penso che più profondo sarebbe, meglio sarebbe per me, ma la scorsa settimana c’è stata una gara in Inghilterra e sono partito bene. Ero lì. Penso che non sia stato così difficile sia questa settimana, ma è stato più difficile rispetto agli anni precedenti. Alla fine è stata una pista piuttosto difficile. Per tutti è stata una gara piuttosto dura.

Devi essere entusiasta nel complesso. 6-6-4 attraverso le prime tre gare. Se ti avessi detto a novembre che avresti ottenuto questi risultati  probabilmente avresti mollato la mia mano e chiesto cosa pagare per ottenere quei risultati.

Sì, certamente. Me lo sognavo, diventando costante e costante. Abbiamo lavorato duramente per tutto l’inverno, quindi questo è ciò che sta pagando. La pre-stagione è stata pessima, ma è quello che mi ha dato una buona lezione ed è per questo che abbiamo iniziato abbastanza bene. Naturalmente, in preparazione, ti stavi sempre chiedendo se sarai abbastanza bravo o meno. In questo momento sto provando a me stesso che posso essere lì. 

Tutto sta andando bene al momento. Qual è una cosa di cui hai bisogno per lavorare con il team? Qualcosa con il tuo set-up o anche la tua forma fisica che ti sembra di dover aggiustare per andare avanti? 

Certo, c’è sempre qualcosa che puoi fare meglio. Certo che non sono un ragazzo così esperto. È il mio terzo anno nei GP. E anche l’anno scorso non è stato grandioso per me. Non sono mai stato al top, ma quest’anno sto mostrando risultati ancora migliori rispetto a quando ero con la Suzuki. Lavoriamo sodo, così poi provo che posso essere lì. Certo che lavoro sulle partenze e su quei primi giri. Penso che sia la cosa principale su cui dobbiamo lavorare.

Intervista: Lewis Phillips | Immagine Principale: ConwayMX

MX Vice Editor || 25